News‎ > ‎

patologie abortigene

pubblicato 22 gen 2016, 01:27 da Direzione Generale   [ aggiornato in data 27 gen 2016, 03:47 ]
CORSO DI FORMAZIONE SULLE PATOLOGIE ABORTIGENE: UNA SFIDA NELL’APPROCCIO DIAGNOSTICO INNOVATIVO 
 In data 22 dicembre 2015 ha avuto luogo nell’aula magna dell’Istituto Zooprofilattico l’evento formativo “Le patologie abortigene: una sfida nell’approccio diagnostico innovativo”. L’argomento è stato presentato dal commissario straordinario dell’Izs, dottor Salvatore Seminara. Si tratta di una malattia di forte impatto sulla salute degli allevamenti e sulla qualità delle produzioni. Il tema degli aborti virali, la paratubercolosi e la brucellosi sono stati al centro di diverse relazioni. Un intervento ha fatto il punto dell’anatomo.patologo nella diagnostica abortigena degli ovicaprini. In tema di aborto sono stati evidenziati errori dietetici, fisici, genetici, iatrogeni, tossici, infettivi e ormonali. E’ stato evidenziato che batteri, micoplasmi, miceti, parassiti e virus sono cause di interruzioni premature della gravidanza causando un forte impatto sulla sanità pubblica. La white muscle disease, la tossiemia gravidica, trasporti inadeguati e temperature elevate, difficoltà diagnostiche, sostanze tossiche e virali sono solo alcuni tra un’ampissima gamma di fattori causa di aborto che hanno offerto lo spunto per ulteriori approfondimenti. In molti paesi europei esistono già specifici piani di controllo e di eradicazione della malattia, mentre in Italia non esiste ancora un piano di controllo nazionale. Una relazione è stata specificamente dedicata alla brucellosi e ha evidenziato una poca solerzia nel cercare di eradicare la malattia e nei controlli sia da parte degli allevatori che delle istituzioni pubbliche ma anche una mancata conoscenza dell’origine dell’infezione e, quindi, a livello dell’indagine epidemiologica nonchè una probabile carenza nella notifica degli aborti.All’ evento in modalità ecm hanno assistito oltre 120 partecipanti tra studiosi, ricercatori e operatori del sistema sanitario interessati all’argomento.
Comments