News‎ > ‎

OIE

pubblicato 22 gen 2016, 01:26 da Direzione Generale   [ aggiornato in data 27 gen 2016, 03:47 ]
CORSO DI FORMAZIONE SUL COINVOLGIMENTO DEI CENTRI DI REFERENZA NAZIONALI OIE NELLO STUDIO, MONITORAGGIO E CONTROLLO DELLE MALATTIE DA ZECCHE NEI PAESI DEL MEDITERRANEO 
In data 4 dicembre 2015 ha avuto luogo, nell’ aula magna dell’Istituto Zooprofilattico, l’evento formativo “Il coinvolgimento dei centro di referenza nazionali Oie nello studio, monitoraggio e controllo delle malattie da zecche nei paesi del Mediterraneo”. Il commissario straordinario dell’Izs, Salvatore Seminara, ha introdotto il tema che è stato affrontato allargando il campo a problematiche di stringente attualità quale è quella delle migrazioni. Conflitti, instabilità politica e crisi alimentari costringono, infatti, migliaia di persone a cercare rifugio in Occidente al punto che nei primi nove mesi di quest’anno più di 890 mila domande di asilo sono state depositate nell’Unione Europea. Siria, Iraq, Afghanistan e Balcani sono i paesi dai quali la gente fugge diretta in Europa, soprattutto in Germania ma anche in Italia. Le organizzazioni internazionali osservano con attenzione questa crisi umanitaria che, a dispetto degli stereotipi, mostra come i migranti non contribuiscono alla diffusione di malattie trasmissibili, che è invece elevata nei viaggiatori abituali. In termini più generali occorre garantire la copertura sanitaria universale per i rifugiati e i migranti sia registrati sia clandestini, compresa la diagnosi precoce della tubercolosi e la prevenzione e cura dell’epatite virale. I sistemi sanitari sono, sulla carta, attrezzati per fronteggiare il problema ma occorre migliorare il monitoraggio. della situazione sanitaria dei profughi. La giornata di studio ha rimarcato l’importanza della comunicazione tra le due sponde del Mediterraneo e il ruolo dei centri di referenza Oie, l’ente che coordina nel mondo queste attività. All’ evento in modalità ecm hanno assistito oltre 100 partecipanti tra studiosi, ricercatori e operatori del sistema sanitario interessati all’argomento.
Comments