News‎ > ‎

Progetto BRUCMEDNET

pubblicato 25 lug 2017, 03:04 da Pietro La Placa   [ aggiornato in data 25 lug 2017, 03:10 ]
BRUCMEDNET è un progetto di ricerca internazionale finanziato attraverso l’Azione ERA-NET “Coordination of Agricultural Research in the Mediterranean area - ARIMNet2” dalla UE all’interno del 7° Programma Quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico, che consentirà nel triennio 2016-2019 una cooperazione transnazionale tra Paesi dell’Area Mediterranea volta al miglioramento della diagnosi di brucellosi animale.

La brucellosi è la più comune zoonosi mondiale, che interessa sia bovini (causata da B. abortus), che ovini e caprini (da B. melitensis). L’infezione umana deriva dal contatto diretto con animali infetti o dall’ingestione di prodotti di origine animale contaminati, specialmente latte e prodotti lattiero-caseari; tale patologia riveste notevole impatto sia economico che di salute pubblica nei Paesi Mediterranei.

L’obiettivo principale del progetto è lo sviluppo di strumenti epidemiologici e diagnostici in grado di distinguere tra le infezioni Brucellari e quelle dovute invece a batteri cross-reagenti (soprattutto Yersinia enterocolitica O:9), nonché tra animali infetti e vaccinati, contribuendo così ad una migliore sorveglianza, controllo ed eradicazione della Brucellosi nei Paesi interessati.

Le attività principali che verranno svolte nel progetto BRUCMEDNET sono: caratterizzazione molecolare di Brucella spp., allo scopo di implementare le analisi epidemiologiche ed il trace-back delle fonti di infezione; caratterizzazione del proteoma ed immunoproteoma di Brucella, per identificare antigeni specifici utili migliorare gli strumenti diagnostici a disposizione.

La partnership di questo progetto ha reclutato esperti internazionali in ambito di epidemiologia, genomica, proteomica e sierologia. Gli enti partecipanti sono: Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”, Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, Istituto Sperimentale Italiano “Lazzaro Spallanzani”, Veterinary Research Institute di Salonicco (Grecia), Facoltà di medicina veterinaria della Benha University (Egitto), National Institute for Agrarian and Veterinarian Research di Lisbona (Portogallo), Institute of Veterinary Research di Tunisi (Tunisia).
Ċ
Pietro La Placa,
25 lug 2017, 03:07