News‎ > ‎

Giornata della Trasparenza 2019

pubblicato 30 dic 2019, 03:28 da Anto Rizzuto

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia ha celebrato la Giornata della Trasparenza 2019 per informare gli stakeholders sulle misure contenute nel Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza e su quanto realizzato nel corso del 2019 i cui risultati saranno pubblicati nella Relazione sulla performance di prossima pubblicazione.


“Chiudiamo l’anno con un notevole successo – ha detto il commissario straordinario dell’Izs Sicilia Salvatore Seminara – perché è arrivata la stabilizzazione per i ricercatori della c.d. “piramide” ai quali faccio gli auguri per il raggiungimento di questo importante traguardo professionale. L’Istituto continua ad arricchirsi di professionisti della ricerca che in questi anni hanno lavorato con impegno e dedizione”.


Durante l’evento, il direttore amministrativo Gabriele Ciaccio ha parlato della relazione tra benessere organizzativo e performance: “I due temi sono intimamente legati – ha detto Ciaccio – Nell’ambito di lavoro la condizione di benessere organizzativo può determinare in modo significativo le performance individuale e collettiva. Il concetto di salute organizzativa permette di ridurre stress e conflittualità e ad un’organizzazione di svilupparsi raggiungendo obiettivi sfidanti promuovendo un adeguato grado di benessere fisico e psicologico. Tutti gli enti dovrebbero portare avanti indagini sul benessere organizzativo”.


È intervenuto anche il dirigente Santo Naselli, responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, il quale ha presentato il piano di prevenzione 2019 che richiama l’attenzione sulla mappatura dei processi e sui codici di comportamento da seguire all’interno della pubblica amministrazione.


Il direttore sanitario Stefano Vullo ha concluso la Giornata della Trasparenza spiegando l’uso del SILAB come strumento utilizzato per le attività riguardanti le prove sui campioni conferiti, dall’accettazione all’emissione del referto. “L’applicativo – ha detto Vullo – ha avuto un forte impatto sull’intera organizzazione dell’Istituto della Sicilia, anche rispetto al sistema Qualità, alle rendicontazioni, alla fatturazione e alla clientela in quanto sono cambiati anche forma e modalità di accesso al rapporto di prova”.

 

 

 

 

 

 

 


 

Comments